Generazione di fenomeni

Standard

Dobbiamo essere flessibili. Questo il primo comandamento dettatoci da chi ha qualche anno più di noi mentre ci affacciamo al mondo del lavoro. Più flessibili, più duttili … manco fossimo metalli.
Gran bella cosa la flessibilità. Ma indaghiamo sulla parola: “flessibilità” è l’aggettivazione del termine “flessibile” che, riprendendo paro paro la definizione del dizionario “Sabatini Coletti“, significa “che può essere piegato facilmente senza spezzarsi“.
La faccenda inizia a diventare interessante. “Piegato facilmente”, per un metallo, è una qualità; ma per una persona il piegarsi facilmente sarà sempre vista come peculiarità positiva?
In Italia “piegarsi” è sempre stato accomunato – negativamente – all’azione che il sottoposto fa nei confronti del proprio “capo” o come movimento che, pare, essere molto frequente dalle parti di Villa Certosa, Palazzo Grazioli ed Arcore (ma questa è un’altra storia).
Tornando seri, la flessibilità sul lavoro è una qualità positiva – sia chiaro – perché l’immobilismo dei contratti infiniti ha lasciato l’Italia con un debito pubblico fuori controllo. Ma, purtroppo, la flessibilità italiana non è quella europea. Ad esempio: un tirocinante universitario o post universitario in Francia guadagna la metà dei suoi colleghi regolari. Può capitare quindi che se un impiegato guadagna 2500 euro, al tirocinante-impiegato ne spettino 1250.
Il ragionamento è semplice: nella quasi totalità dei casi il tirocinio è davvero un periodo di avviamento al lavoro dove vengono testate le qualità della persona. Bello eh? Invece che succede in Italia? Lo stagista viene demandato a ruoli di quarto o quinto piano, per lo più addetto alla fotocopiatrice, per lunghi periodi gratuiti, cui seguono di solito precoci cacciate o lunghi limbi contrattuali.
Ed è proprio in quel lungo limbo che il “flessibile” italiano si “spezza”: perché non è un metallo, perché vuole costruirsi un futuro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...