Un dettaglio, per capire l’aria che tira

Standard

Ci sono tanti segnali per capire l’aria che tira, a Firenze. Uno di questi è anche in come vengono raccontati i fatti, ma ancora di più dei dettagli. Sì, le parti più piccole, quelle quasi invisibili, sono di solito il termometro più preciso di un dato “zeitgeist”. Oggi, ad esempio, è successo che intorno alle 11.50 l’Ansa Toscana abbia battuto questo lancio:

Trasporti: Firenze, sciopero selvaggio, no Ataf privatizzata
Non rispettate fasce garanzia, persone in attesa sotto pensiline
FIRENZE (ANSA) – FIRENZE, 05 DIC – Sciopero selvaggio del trasporto pubblico a Firenze contro la cessione di un ramo d’azienda della società dei bus Ataf decisa dall’amministrazione comunale. L’astensione dal lavoro, per tutta la giornata, era stata regolarmente comunicata, ma le corse delle fasce di garanzia stamani non sono state effettuate, lasciando molte persone in
attesa sotto le pensiline in molte zone della città. Intanto, come spiega una nota della rsu dell’azienda, l’assemblea dei lavoratori di Ataf, in riunione dalle 4 di stanotte, ha stabilito di proseguire i lavori, diventando permanente, per individuare “soluzioni alla disastrosa situazione del trasporto fiorentino aggravata dopo la scelta dell’amministrazione comunale di privatizzare l’azienda e in conseguenza dell’ intenzione confermata dal nuovo gestore privato di disdettare tutta la contrattazione aziendale oltre a voler dividere Ataf fra i tre soci proprietari”. (ANSA).

Un lancio “quasi” normale se non per la strana decisione di non voler mettere in bocca a nessuno le parole dedicate alle “persone in attesa alle pensiline”. Niente di eccezionale.

Dopo diverse ore viene però battuto un RP (che, per i non giornalisti, semplifico in “ripetizione con piccola modifica”) un po’ particolare.

Trasporti:Firenze,sciopero selvaggio,no Ataf privatizzata+RP (Ripetizione con testo corretto alla terza riga)
FIRENZE (ANSA) – FIRENZE, 5 DIC – Sciopero selvaggio del trasporto pubblico a Firenze contro la cessione di un ramo d’azienda della società dei bus Ataf decisa dall’amministrazione comunale un anno fa (rpt, un anno fa) e la situazione che si è oggi determinata. L’astensione dal lavoro, per tutta la giornata, era stata regolarmente comunicata, ma le corse delle fasce di garanzia stamani non sono state effettuate, lasciando molte persone in attesa sotto le pensiline in molte zone della città. Intanto, come spiega una nota della rsu dell’azienda, l’assemblea dei lavoratori di Ataf, in riunione dalle 4 di stanotte, ha stabilito di proseguire i lavori, diventando permanente, per individuare “soluzioni alla disastrosa situazione del trasporto fiorentino aggravata dopo la scelta dell’amministrazione comunale di privatizzare l’azienda e in conseguenza dell’ intenzione confermata dal nuovo gestore privato di disdettare tutta la contrattazione aziendale oltre a voler dividere Ataf fra i tre soci proprietari”.

Notata la differenza? No? E’ minuscola, vero, ma significativa. E’ stato aggiunto, come suggerito dal titolo, un “dettaglio” alla terza riga: “un anno fa (rpt, un anno fa) e la situazione che si è oggi determinata”. 

La modifica non porta alcun elemento “innovativo” rispetto al precedente lancio dell’agenzia (sempre le persone sotto le pensiline, sempre il comunicato dell’rsu dopo), eppure c’è stato bisogno di sottolineare che la privatizzazione fosse stata decisa “un anno fa”.

Cosa è? Un dettaglio, per capire l’aria che tira

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...